AVVISO ALLA CITTADINANZA

Misure di prevenzione
negli esercizi commerciali aperti al pubblico
ai sensi del DPCM 26 aprile 2020


A decorrere dal 4 maggio 2020 restano sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’Allegato 1 del DPCM 26 aprile 2020, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività. In particolare

  • SONO CHIUSI, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari.
  • SONO APERTI
    • Ipermercati, Supermercati, Discount di alimentari, Minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari,
    • Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
    • Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici,
    • Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2),
    • Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati,
    • Commercio al dettaglio apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco:47.4),
    • Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulico,
    • Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari,
    • Commercio al dettaglio di articoli per l’illuminazione,
    • Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici,
    • Farmacie,
    • Commercio al dettaglio in altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica (Parafarmacie),
    • Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati,
    • Commercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l’igiene personale,
    • Commercio al dettaglio di piccoli animali domestici,
    • Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia,
    • Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento,
    • Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini,
    • Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet,
    • Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato per televisione,
    • Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto per corrispondenza, radio, telefono,
    • Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici, Commercio di carta, cartone e articoli di cartoleria,
    • Commercio al dettaglio di libri,
    • Commercio al dettaglio di vestiti per bambini e neonati,
    • Commercio al dettaglio di fiori, piante, semi e fertilizzanti.

Deve essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

Gli esercizi commerciali la cui attività non è sospesa ai sensi del DPCM 26 aprile 2020 sono tenuti ad assicurare, oltre alla distanza interpersonale di un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all’interno dei locali più del tempo necessario all’acquisto dei beni.

Si  raccomanda altresì l’applicazione delle seguenti misure di prevenzione:

  • mantenimento del distanziamento interpersonale di 1 metro
  • sanificazione dei locali almeno due volte al giorno
  • frequente areazione naturale dei locali
  • ampia fruibilità dei sistemi di disinfezione delle mani sia nell’accesso al locale che in prossimità dei prodotti da scaffale che delle casse per il pagamento
  • utilizzo delle mascherine personali in caso di impossibilità anche temporanea di mantenimento del distanziamento interpersonale di 1 metro
  • utilizzo dei guanti “usa e getta” in particolare per l’acquisto di alimenti e bevande
  • adeguata informazione grafica circa gli obblighi di mantenimento del distanziamento interpersonale e delle misure atte alla prevenzione dal contagio
  • ingresso differenziato ai locali secondo le prescrizioni di cui al dpcm 26 aprile 2020 e alle ordinanze regionali e comunali adottate.

I trasgressori saranno puniti a norma di legge


Allegati:
Avviso Esercizi Commerciali - Misure di prevenzione (pdf 676kb)