E’ FATTO DIVIETO , dal 15 Giugno 2018 al 30 Settembre 2018, sul territorio del comune di San Pietro Infine , di bruciare vegetali, loro residui o altri materiali connessi all’esercizio delle attività agricole nei terreni agricoli, anche se incolti, negli orti, giardini, parchi pubblici e privati nonché la combustione di residui vegetali forestali .

È fatto obbligo di attenersi alle norme previste dal Regolamento “Prescrizioni di Massima e di Polizia Forestale”, Allegato C) alla legge regionale 7 maggio 1996, n. 11, cosi come modificato dai D.P.G.R. n° 484 del 14/06/2002 e n°387 del 16.06.2003, alcune delle quali vengono appresso menzionate


  • L’OSSERVANZA, in seguito alla proclamazione dello stato di grave pericolosità per gli incendi
    boschivi, del comma 6bis, art. 182 del D.Lgs 3aprile 2006, n. 152, nella parte in cui dispone l’espresso divieto di bruciatura dei residui vegetali e forestali nei periodi di massimo rischio per gli incendi boschivi;

  • E’ FATTO OBBLIGO a tutti i proprietari, conduttori, detentori, a qualsiasi titolo, di aree confinanti con strade, boschi, abitazioni sparse, centri urbani, strutture turistiche, artigianali eindustriali, di provvedere, con decorrenza immediata, alla rimozione dai terreni dì ogni residuo vegetale o qualsiasi materiale che possa favorire l’innesco di incendi e la propagazione del fuoco;

  • E’ FATTO OBBLIGO ai proprietari o detentori delle aree boscate di provvedere al decespugliamento laterale ai boschi (lungo il perimetro di aree boscatc, va creata una fascia di rispetto, priva di vegetazione, tale da ritardare o impedire il propagarsi degli incendi);

  • ai sensi dell’art. 15 , lettera i) del Codice della Strada , è vietato gettare dai veicoli in movimento
    mozziconi di sigaretta sulle strade;

E’ fatto obbligo a chiunque spetti, di osservare e fare osservare l’ Ordinanza
relativa alla dichiarazione di grave pericolosita’ incendi boschivi 2018.

 

SI AVVERTE

Che salvo i casi previsti dal Codice Penale o da diversa disposizione di legge, le violazioni alla presente Ordinanza saranno punite, asecondo dei casi, ai sensi della Legge n. 353/2000, della Legge Regionale n.11/1996, del Codice della Strada e dall’art. 7 bis del D Igs, N. 267/2000, ovvero con il pagamento di una somma da un minimo di € 25,00 ad un massimo di € 500,00.
Nel caso di procurato incendio a seguito della esecuzione di azioni e attività determinanti anche solo potenzialmente l’innesco d’incendio sarà applicata una sanzione amministrativa non inferiore ad 1.032,00 e non superiore ad 10.329,00 ai sensi dell’art 10 della Legge n. 353 del 21.11.2000 .


Allegato:
Ordinanza n.9 del 06.07.2018