Benvenuto nel sito del Comune di San Pietro Infine - testo di prova descrittivo
  • Avviso Manifestazione di Interesse Gestione Servizi Cimiteriali

    Avviso esplorativo per manifestazione di interesse Gestione dei Servizi Cimiteriali del Comune di San Pietro Infine . Maggiorni info e modelli da scaricare all’interno dell’articolo . […]

  • Lettera aperta del Sindaco alla Cittadinanza

    All’interno dell’articolo, si riporta il testo integrale della lettera rivolta ai Cittadini di San Pietro Infine dal Sindaco, Mariano Fuoco […]

  • AVVISO massima pericolosità incendi boschivi

    Si avvisa che, con Ordinanza Sindacale n.9 del 06/07/2018, è stato determinato lo stato di massima pericolosità per incendi boschivi, a partire dal 15 Giugno 2018 al 30 Settembre 2018, su tutto il territorio del Comune di San Pietro Infine . Maggiori info all’interno dell’articolo […]

  • Sanità Lazio: 5Mila posti di lavoro entro il 2022

    La Regione Lazio ha approvato una legge che autorizza nuove assunzioni nella Sanità mediante concorsi pubblici. Sono ben 5Mila i posti di lavoro negli ospedali laziali da coprire entro il 2022. Si prevedono anche bandi per stabilizzazioni di personale .
    Maggiori info all’interno dell’articolo […]

  • Opportunità di lavoro

    Nella Sezione Aree Tematiche > Opportunità di Lavoro > CONCORSI : bandi pubblicati dagli Enti locali : Centinaia di bandi ai quali partecipare per lavorare nelle pubbliche amministrazioni centrali e periferiche selezionati dalle recenti Gazzette Ufficiali. […]

  • AVVISO Aggiornamento Lista avvocati per affidamento di incarichi professionali

    Si avverte che fino al 15.07.2018 gli avvocati interessati possono presentare domanda di inclusione nella lista dei legali cui affidare gli incarichi professionali.
    Download modalità di partecipazione all’interno dell’articolo. […]

  • Avviso Manifestazione di Interesse Manutenzione Rete Idrica

    Avviso pubblico di manifestazione di interesse per l’affidamento della fornitura/servizio di manutenzione dell’acquedotto comunale e degli impianti idrici e fognari degli edifici comunali . Maggiorni info e modelli da scaricare all’interno dell’articolo . […]

  • Tirocini Inclusione Sociale:Manifestazione di interesse

    Manifestazione di interesse per coinvolgere imprese profit e no profit […] a manifestare la propria disponibilità ad accogliere uno o più soggetti in tirocini, senza alcun onore aggiuntivo, e a titolo gratuito. Maggiori info,download modelli di presentazione, all’interno dell’articolo . […]

  • Campagna prevenzione tumore al seno

    Al via la seconda campagna di prevenzione del tumore al seno:l’Amministrazione comunale organizza una giornata di visite senologiche, totalmente gratuite. Modalità di adesione all’interno dell’articolo. […]

  • REddito di Inclusione: si allarga la platea dell'assegno sociale

    Regole, importi e nuovi requisiti per l’accesso al Reddito di Inclusione (ReI), esteso ad una più vasta platea di beneficiari dalla Legge di Stabilità 2018. Maggiori info e download domanda da presentare al Comune, all’interno dell’articolo […]

Servizi

Albo Pretorio Online
Amministrazione Trasparente
Contenziosi
Delibere di Giunta

News

Avviso Manifestazione di Interesse Gestione Servizi Cimiteriali more_vert
Avviso Manifestazione di Interesse Gestione Servizi Cimiteriali close

Avviso esplorativo di manifestazione di interesse per soggetti interessati all'affidamento del servizio di GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL COMUNE DI SAN PIETRO INFINE (CE) per anni tre


Allegati: [download id="2514"] [download id="2517"]

 

AVVISO raccolta umido more_vert
AVVISO raccolta umido close

Si avvisa tutta la cittadinanza che la raccolta dell'umido sarà regolarmente attiva a partire da Venerdì 13 Luglio 2018, così come da calendario.

Lettera aperta del Sindaco alla Cittadinanza more_vert
Lettera aperta del Sindaco alla Cittadinanza close

Lettera aperta del Sindaco Mariano Fuoco alla Cittadinanza

Cari Concittadini,il Sinadaco di San Pietro Infine - Mariano Fuoco

non avrei mai voluto, per mio carattere, rispondere alle continue e moleste provocazioni che leggiamo, purtroppo, quasi ogni giorno, su alcune pagine di Facebook, da quando la stragrande maggioranza di Voi Sanpietresi ha votato e dato fiducia a questa Amministrazione, a quanto pare con “eccessivo” disappunto di qualcuno.

La mia pazienza, però, ha un limite.

L’architetto “Paolo Vacca”, con i suoi continui post e commenti social mirati esclusivamente a screditare il nostro operato, la nostra immagine e l'immagine di San Pietro Infine, con le sue critiche di infimo livello oltre che di basso spessore culturale, considerato soprattutto il pulpito dal quale arrivano le “prediche”, rappresenta invece una “vergogna” non solo per se stesso, ma soprattutto un’offesa per l’intera comunità Sanpietrese.

Un denigrare così incessante lascerebbe pensare ad una persona che, avendo amministrato e gestito, per un lungo quindicennio, le scelte delle passate Amministrazioni, oggi proprio non si rassegna a vedersi tagliata fuori dalle scene, in tutto e per tutto; proprio non ce la fa a vedersi messa all'angolo, anzi, stesa al tappeto… KO tecnico.

Eppure lui non è mai stato un amministratore comunale, …perché allora tanto accanimento?

Solo l’esclusione dai giochi di potere di un amministratore o di un assessore, infatti, potrebbe giustificare il perché di tanta “vomitevole” rabbia e di tale accanimento e attaccamento alla cosa pubblica, trasformando la propria perfidia in una “folle” farneticazione che lo porta a vedere in chiunque altro ciò che lui stesso è.

Allora perché???

A San Pietro Infine ci conosciamo TUTTI e TUTTI sappiamo chi e come ha ottenuto “privilegi”!

Considerata la sua “altissima” competenza tecnica, ci sarebbe piaciuto piuttosto, che l’architetto, anziché leggere dei suoi quotidiani vaneggiamenti, avesse utilizzato il suo tempo e le sue energie, non che gliene mancano, per “illuminarci” in merito a:

  • 107 mila euro circa che i cittadini sono già costretti a pagare per un debito non dovuto risalente al 1999 e notificato nel 2006 a causa del totale disinteressamento delle precedenti Amministrazioni – parlo del fallimento della ditta Pagliuca (progetto strada Luito-Cerrete);

  • 22.590 euro circa di nuove tasse comunali per incapacità gestionali - parlo del contenzioso Russo 2003/2016 (una ditta subappaltatrice viene pagata dall’Ente invece che dalla ditta concessionaria);

Questa Amministrazione ha dovuto riconoscere entrambi gli importi menzionati come debito fuori bilancio, a seguito di sentenze emesse del tribunale di Cassino;

  • 41 mila euro circa liquidati dall’Ufficio Tecnico nel 2011 a due tecnici, per lavori mai realizzati - parlo delle case popolari Via Dante Alighieri;

  • 40 mila euro circa liquidati dall’Ufficio Tecnico nel 2015 a tre tecnici senza alcun incarico da parte dell’Ente per i lavori di restauro della Chiesa di San Michele Arcangelo nel Parco della Memoria Storica (si badi bene: non si contesta il lavoro svolto);

  • 33 mila più 10 mila per un totale complessivo di 43 mila euro circa che due ex sindaci dovranno restituire alle casse comunali su sentenza n. 58 del 31/01/2018 della Corte dei Conti;

  • Debiti lasciati dalla Fondazione Parco della Memoria Storica i creditori della gestione 2011/ 2015 stanno presentando ora i conti mediante ingiunzioni di pagamento;

  • Stato pietoso e vergognoso in cui è stato lasciato il Museo del Parco della Memoria Storica: le immagini proiettate tempo fa in piazza sono state un'eloquente conferma: ci si teneva così tanto che in confronto una stamberga era un locale di extra-lusso!

Non dobbiamo, poi, dimenticare gli appalti non ancora portati a termine: da due anni, infatti, stanno sottraendo tempo ed energie a questa Amministrazione per risolverne tutte le problematiche connesse e, soprattutto, per evitare ulteriori danni economici alla cittadinanza:

  • Lavori di ristrutturazione della chiesa San Michele Arcangelo sul Parco della Memoria Storica, opera che è stata oggetto di due finanziamenti, Misura 322 e O.O. 1.9, rispettivamente di circa 811 mila euro e circa 1 milione e 800 mila euro: su questi grava ancora oggi un collaudo negativo, con l’obbligo di risanamento sismico imposto dal Genio Civile di Caserta e con la consequenziale inibizione alla fruizione dell’opera fino al risanamento definitivo.

Mai nella storia di San Pietro Infine si era avuto un collaudo negativo su un’opera pubblica!

  • Scuola elementare e media di Piazza Risorgimento - finanziamento per il miglioramento sismico ed adeguamento igienico sanitario di 910 mila euro: lavori bloccati per divergenze tra la Direzione dei Lavori e la ditta appaltatrice a causa del completo disinteressamento di chi ha gestito l’avanzamento dei lavori fino ad aprile 2016. Nessuno, infatti, della precedente Amministrazione, contestò l’Ordine di Servizio n. 1, disposto dalla Direzione dei Lavori che di fatto trasformava “inspiegabilmente” quell’operazione in un intervento di solo adeguamento igienico sanitario, tralasciando del tutto l’aspetto strutturale che, nel caso di specie, sarebbe dovuto essere la parte fondamentale dell’opera.

  • Plesso scolastico di Via Fornillo - finanziamento di 950 mila euro per lavori di efficientamento energetico: lavori portati avanti senza che la Regione accreditasse i fondi e fatturati dalla ditta per 560 mila euro circa… ma nessun architetto “capace” si è accorto che il Comune era fuoriuscito dal finanziamento perché non aveva inoltrato, nei tempi dovuti e cioè entro il 31/12/2015, alcun rendiconto; Anche in questo caso la nostra Amministrazione ha dovuto “faticare” a lungo per recuperare il contributo, che finalmente dovrebbe essere erogato;

  • Chiesetta di San Sebastiano, opera risalente al 1200 circa, magicamente, ostentatamente e soprattutto scelleratamente “trasformata” in una “chiesetta templare”, con tanto di inquietante presenza in dimensioni reali, di un monaco templare oltre che i “coraggiosi” anacronismi simbolici e falsificanti intonaci per la simulazione di affreschi, realizzati con tecniche di decoupage.(Brachetti scomparirebbe di fronte a cotanta scienza e potenza creativa)

Questa, cari concittadini, è solo una parte dell’eredità lasciata dai precedenti amministratori e descrive chiaramente un “modus operandi” mai criticato, però, da chi invece oggi chiede a noi di vergognarci: IERI TOTALMENTE ORBO SULL’ESSENZIALE, OGGI OLTREMODO ATTENTO SULL’INUTILE, MISTIFICANDOLO.

Forse l’architetto ha ragione a darci degli incapaci!

È vero! Siamo infatti incapaci di frodare, di falsificare documenti, di farli sparire; siamo incapaci di mentire, di rubare, di prendere in giro il popolo!

Perché l’architetto Vacca, ora così solerte e prodigo di certosina attenzione verso questa Amministrazione, non lo è mai stato per questi appalti?

Come mai non scrive che la nostra “incapace” Amministrazione ha dovuto farsi carico di gravi e vecchie problematiche, adendo anche le vie legali, per la salvaguardia dell’Ente?

La sua credibilità fa acqua da tutte le parti.

Questa Amministrazione fino ad oggi non si era curata più di tanto di quanto scritto da lei, architetto, ma ora si è giunti all’insostenibile, oltrepassando ogni limite.

Con questa lettera aperta alla cittadinanza e con estrema tranquillità e lo stile che mi appartiene, vorrei, in conclusione, fare chiarezza ancora su 3 punti tanto cari all'architetto Vacca, chiariti i quali, né io né alcuno dei miei Amministratori risponderemo ad ulteriori provocazioni e a dichiarazioni false e tendenziose:

PUNTO 1 L’architetto Vacca sovente scrive di “cacciata” del Vicesindaco

Voglio chiarire una volta per tutte che l’amico Lino Fuoco, eletto (non lo dimentichi, architetto), nonché Vice Sindaco di questo Comune, al contrario di quanto Vacca afferma, non è mai stato “cacciato” da nessuno né tantomeno rimosso da incarichi. Ha svolto il ruolo di Responsabile pro tempore dell’Ufficio Tecnico in ossequio alla normativa vigente e fino ad avvenuto incarico del Tecnico Comunale, prima inesistente. Prosegue il suo incarico come Vice Sindaco e Assessore ai Lavori Pubblici, godendo ancor più della massima fiducia e stima da parte mia e di tutti i consiglieri comunali.

Se “cacciata” c’è stata, signor architetto, è solo quella voluta dai Sanpietresi che alle ultime elezioni hanno mandato definitivamente a casa i suoi compari e “compagni di gioco”.

PUNTO 2 L’architetto Vacca, nei suoi “post”, usa spesso i termini “Vigliacchi” e “Vili”,

Ma architetto!!!! Chi scrive sulla pagina di Uniti per San Pietro Infine ci mette la faccia .

eccome, e a farlo sono quelle stesse persone che prima conosceva come gruppo di opposizione e che oggi conosce come l' intero gruppo di maggioranza; maggioranza che insieme al sottoscritto sta coraggiosamente amministrando per il bene del paese, nonostante

le innumerevoli difficoltà determinate solo ed esclusivamente dall’eredità amministrativa ricevuta.

Piuttosto lei, architetto, potrà dare lezione di “coraggio” solo quando chiarirà a tutti i Sanpietresi a chi si riferisce quando parla di “Asina spaccona”, di “Rumonio”, di “Sarchiapone”, “Capra”,“Uccio il medico”, “Puparo”, “Don Calogero” e altri ancora.

Potrà dare lezione di “coraggio” solo quando farà i nomi di quelle persone che cita e offende con infantili, miserevoli e meschine allusioni.

Ma sono certo che non farà mai quei nomi; seguiterà ad offenderli , a vomitargli addosso il marcio che ha dentro, continuerà a prenderli di mira per le sue puerili in-soddisfazioni personali.

Da oggi, ne sono sicuro, aggiungerà un altro personaggio al suo “romanzo”, il mio!!!!

Chissà quali saranno, stavolta, le fantasie del raffinato (?) “romanziere” (?) dopo aver letto questa lettera.

Come rappresentante di questa comunità ritengo che la sua sibillina pavidità non possa dare lezioni di “coraggio” a nessuno dei Sanpietresi.

PUNTO 3 L’architetto Vacca usa spesso nei suoi “post” il termine “Vergogna”

Architetto Vacca, i Sanpietresi conoscono bene le persone che oggi amministrano questo Comune e certamente, glielo ripeto ancora e all’infinito, non abbiamo nulla di cui vergognarci.

È invece opportuno che dia lei uno sguardo nel suo armadio e si faccia un esame di coscienza, semmai ne possieda una… forse capirà “chi” ha da vergognarsi di fronte al popolo di San Pietro Infine.

L’attuale Amministrazione è composta da persone oneste e perbene, non da gente che Lei vorrebbe far credere: Le garantisco che Lino Fuoco, Bernardo Pirollo, Sara Brunetti, Vincenzo Paciolla, Ugo Verrillo, Giacomo Vitale e Francesco Marandola si sono proposti per amministrare il Comune di San Pietro Infine senza alcun vincolo e senza compromessi.

Stiamo amministrando con passione, impegno, dedizione, fatica …e senza ingerenza alcuna, cercando anche e soprattutto di promuovere e garantire quella legalità che in molti hanno reclamato e che reclamano da anni perché necessaria alla civile convivenza.

L’atteggiamento dell’arch. Vacca, lo ripeto, sembrerebbe essere ispirato solo da grande rabbia, come quella di un amministratore comunale che, non potendo più trarre vantaggi dalla cosa pubblica, si ostina a mistificare e distorcere in ogni modo e maniera la realtà dei fatti, arrivando anche a pubblicare “stralci” di determine o di delibere al fine di evidenziare solo ciò che gli serve per denigrare e offendere.

Eppure, ripeto, l’architetto non è mai stato Amministratore Comunale!!! Da dove viene, allora, tanto risentimento??? L’opposizione politica tace… lui scrive!

Solo chi non vive a San Pietro Infine può credere a simili “fandonie”... per i cittadini Sanpietresi e d'oltreoceano, e non solo, lei è “Carta Conosciuta”.

Nelle vesti di Primo Cittadino di questo Comune contesto dunque fermamente le Sue affermazioni, perché non più tollerabili, come non è più tollerabile il suo atteggiamento mirato solo ad infangare, offendere e screditare i Sanpietresi, con “post” indegni e falsi.

La esorto, dunque, pubblicamente a smetterla di diffamare i miei consiglieri e la nostra Amministrazione, a rivedere il Suo atteggiamento e a finirla con i Suoi squallidi scritti che offendono e disonorano un intero paese e un popolo che ha già sofferto abbastanza con la guerra ma che, e glielo sottolineo, ci ha democraticamente scelto ed eletto a grande maggioranza.

(A memoria futura)

San Pietro Infine 08.07.2018

Il Sindaco

Mariano Fuoco


Allegato: [download id="2480"]

Serate al parco - San Pietro Infine more_vert
Serate al parco - San Pietro Infine close

Il Comune di San Pietro Infine in collaborazione con le associazioni culturali "Iter Memoriae" e "Ad Flexum"

San Pietro Infine - Vecchio centro - scorcio organizza la due giorni "Serate al parco", evento che si svolgerà il 14 e 15 luglio 2018. Il parco della Memoria Storica di San Pietro Infine registrerà quale evento clou  il concorso e mostra fotografica "Istantanee di Storia": il nostro "Vecchio" Centro , con i suoi vicoli, le sue rovine, le sue panoramiche diventa protagonista indiscusso, spunto e 'soggetto' unico da raccontare per immagini. Appuntamento allora il

14 e 15 luglio 2018 dalle ore 9:00 alle ore 24:00 al Parco della Memoria Storica di San Pietro Infine

non mancheranno Musica dal vivo - Degustazioni gastronomiche - Visite guidate al Museo e al Parco della Memoria Storica . L'invito è aperto a tutti coloro che vorranno trascorrere due giorni in tranquillità, armonia e serenità.  

AVVISO massima pericolosità incendi boschivi more_vert
AVVISO massima pericolosità incendi boschivi close

E' FATTO DIVIETO , dal 15 Giugno 2018 al 30 Settembre 2018, sul territorio del comune di San Pietro Infine , di bruciare vegetali, loro residui o altri materiali connessi all'esercizio delle attività agricole nei terreni agricoli, anche se incolti, negli orti, giardini, parchi pubblici e privati nonché la combustione di residui vegetali forestali . È fatto obbligo di attenersi alle norme previste dal Regolamento "Prescrizioni di Massima e di Polizia Forestale", Allegato C) alla legge regionale 7 maggio 1996, n. 11, cosi come modificato dai D.P.G.R. n° 484 del 14/06/2002 e n°387 del 16.06.2003, alcune delle quali vengono appresso menzionate

  • L'OSSERVANZA, in seguito alla proclamazione dello stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi, del comma 6bis, art. 182 del D.Lgs 3aprile 2006, n. 152, nella parte in cui dispone l'espresso divieto di bruciatura dei residui vegetali e forestali nei periodi di massimo rischio per gli incendi boschivi;
  • E' FATTO OBBLIGO a tutti i proprietari, conduttori, detentori, a qualsiasi titolo, di aree confinanti con strade, boschi, abitazioni sparse, centri urbani, strutture turistiche, artigianali eindustriali, di provvedere, con decorrenza immediata, alla rimozione dai terreni dì ogni residuo vegetale o qualsiasi materiale che possa favorire l'innesco di incendi e la propagazione del fuoco;
  • E' FATTO OBBLIGO ai proprietari o detentori delle aree boscate di provvedere al decespugliamento laterale ai boschi (lungo il perimetro di aree boscatc, va creata una fascia di rispetto, priva di vegetazione, tale da ritardare o impedire il propagarsi degli incendi);
  • ai sensi dell'art. 15 , lettera i) del Codice della Strada , è vietato gettare dai veicoli in movimento mozziconi di sigaretta sulle strade;

E' fatto obbligo a chiunque spetti, di osservare e fare osservare l' Ordinanza relativa alla dichiarazione di grave pericolosita' incendi boschivi 2018.

 

SI AVVERTE

Che salvo i casi previsti dal Codice Penale o da diversa disposizione di legge, le violazioni alla presente Ordinanza saranno punite, asecondo dei casi, ai sensi della Legge n. 353/2000, della Legge Regionale n.11/1996, del Codice della Strada e dall'art. 7 bis del D Igs, N. 267/2000, ovvero con il pagamento di una somma da un minimo di € 25,00 ad un massimo di € 500,00. Nel caso di procurato incendio a seguito della esecuzione di azioni e attività determinanti anche solo potenzialmente l'innesco d'incendio sarà applicata una sanzione amministrativa non inferiore ad 1.032,00 e non superiore ad 10.329,00 ai sensi dell'art 10 della Legge n. 353 del 21.11.2000 .


Allegato: [download id="2502"]

Sanità Lazio: 5Mila posti di lavoro entro il 2022 more_vert
Sanità Lazio: 5Mila posti di lavoro entro il 2022 close

SANITÀ 5MILA NUOVE ASSUNZIONI APPROVATA LA LEGGE

  Sanita Lazio:Nuove assunzioni Approvata all'unanimità dal Consiglio Regionale la legge che consente di assumere 5mila unità di personale in 5 anni nella sanità del Lazio. L’obiettivo è garantire un ricambio generazionale del personale che opera nel sistema sanitario regionale e aprire una nuova stagione di concorsi pubblici. Ecco cosa prevede la nuova normativa. Con la normativa nazionale veniva consentita la proroga alle graduatorie senza termine. La nuova normativa regionale prevede l’espletamento dei concorsi pubblici e la formazione di graduatorie a cui attingere per un periodo massimo di 36 mesi (tre anni), tempo oltre il quale decadono automaticamente. Questo varrà per i concorsi a partire dal 31 gennaio 2018. La Legge non interferisce in alcun modo con le procedure di stabilizzazione in corso che procedono secondo normativa vigente. Questa nuova stagione di concorsi consentirà l’ingresso di 5 mila tra nuovi medici, infermieri e personale delle professioni sanitarie nei prossimi anni. Gli interessati alle future assunzioni nel Lazio e alle opportunità di lavoro per il personale sanitario dovranno attendere la pubblicazione dei bandi ufficiali di selezione.

AVVISO Aggiornamento Lista avvocati per affidamento di incarichi professionali more_vert
AVVISO Aggiornamento Lista avvocati per affidamento di incarichi professionali close

AVVISO AGGIORNAMENTO LISTA DEGLI AVVOCATI PER L'AFFIDAMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

Si avverte che fino al 15.07.2018 gli avvocati interessati possono presentare domanda di inclusione nella lista dei legali cui affidare gli incarichi professionali. Le modalità di partecipazione sono contenute nella deliberazione allegata. il responsabile degli affari legali Cecilia Cartosciello


Allegato:

[download id="2428"]

Avviso Manifestazione di Interesse Manutenzione Rete Idrica more_vert
Avviso Manifestazione di Interesse Manutenzione Rete Idrica close

Avviso pubblico di manifestazione di interesse per l'affidamento della fornitura/servizio di manutenzione dell'acquedotto comunale e degli impianti idrici e fognari degli edifici comunali

Le imprese che sono interessate a partecipare dovranno presentare una domanda  da trasmettere al protocollo generale del Comune di San Pietro Infine, sito in Piazza Risorgimento n.4, 81049 - San Pietro Infine - CE

Il plico contenente la domanda (vedi Allegato 1) e la dichiarazione (vedi Allegato 2) di possesso dei requisiti devono pervenire, a mezzo raccomandata del servizio postale, oppure mediante agenzia di recapito autorizzata oppure consegnata a mano,

entro e non oltre le ore 12:00 del giorno 03 Luglio 2018

al protocollo generale di questa Stazione Appaltante, sita in Piazza Risorgimento n.4, 81049 - San Pietro Infine - CE

 

Download:

[download id="2404"] [download id="2407"] [download id="2410"]

 

Tirocini Inclusione Sociale:Manifestazione di interesse more_vert
Tirocini Inclusione Sociale:Manifestazione di interesse close

L' Ambito Territoriale C03 – Capofila Teano (CE)  bandisce un avviso di manifestazione di interesse per coinvolgere le imprese profit e no profit, le associazioni e gli Enti operanti nel territorio dell'Ambito e limitrofi, a manifestare la propria disponibilità ad accogliere uno o più soggetti in tirocini, senza alcun altro onere aggiunto, e a titolo gratuito.

L'Ambito C03 assicurerà ai “tirocinanti” un rimborso spese forfettario, pari ad €.400,00 mensili omnicomprensivi (a fronte di un impegno giornaliero non superiore a quattro ore).  Le aziende ospitanti dovranno assicurare i “tirocinanti” contro gli infortuni sul lavoro presso l‟INAIL, nonché per la responsabilità civile presso compagnie assicurative operanti nel settore: i relativi oneri sostenuti saranno a carico dell'Ambito C03, scorporati dal rimborso spese dei tirocinanti. Il “tirocinio” o “borsa lavoro” è uno strumento di Inclusione Sociale a favore di soggetti svantaggiati, nell‟ambito di un percorso orientativo e professionalizzante. Esso non si configura in  alcun modo quale rapporto di lavoro o di subordinazione. L‟esperienza “Tirocinio di inclusione sociale’ non costituisce, pertanto, vincolo di assunzione. Il tirocinio si svolge nell‟ambito di un progetto individualizzato d‟intervento condiviso con un‟equipe multidisciplinare avente a capo un case manager ed è finalizzato al superamento di preesistenti condizioni di svantaggio che condizionano l‟autonomia del soggetto e dei suoi familiari.

Possono aderire al presente "avviso pubblico di manifestazione d‟interesse" i seguenti soggetti: - Ditte individuali; - Imprese profit e no profit; - Soggetti del Terzo Settore, ai sensi dell’art.13 della Legge 11/2007; - Commercianti; - Cooperative Sociali; - Organismi di formazione professionale accreditate della Regione Campania; - Enti operanti nel territorio Comunale; - Studi professionali. I soggetti disponibili ad aderire all‟iniziativa dovranno presentare istanza di adesione alla manifestazione di interesse, redatta secondo lo schema disponibile pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Teano (CE) , intestata all’Ambito C03 capofila Comune di Teano – Ufficio di Piano – e consegnata all‟Ufficio Protocollo Generale dell‟Ente, Piazza Municipio sn, oppure tramite PEC all'indirizzo:politichesociali.teano@asmepec.it. Le imprese potranno, comunque, presentare istanza redatta secondo qualsivoglia schema purché riportante le seguente notizie e dichiarazioni: 1) generalità complete del dichiarante e dell’impresa; 2) l’assenza di dichiarazioni di fallimento; 3) l’assenza di procedimenti penali finalizzati alla dichiarazione di una misura di prevenzione di cui alla legge n 575/1965; 4) di avere preso visione dell’avviso pubblicato sul sito del Comune di Teano; 5) di essere a conoscenza che i tirocinanti saranno assegnati previa verifica della compatibilità dell’attività lavorativa esercitata dall’impresa con le attitudini e preferenze del tirocinante; Ove, per la stessa attività lavorativa, nell‟elenco siano inserite un numero di aziende superiori ai tirocinanti da avviare, sarà data preferenza alle aziende che abbiano la sede operativa (cioè la sede ove si esercita effettivamente l‟attività lavorativa) nel territorio del comune di residenza del beneficiario, ossia uno dei Comuni dell‟Ambito C03 in subordine, nei territori dei Comuni a questi limitrofi, al fine di evitare costi di trasferimento da parte dei tirocinanti. Le aziende inserite nell‟elenco, se compatibili con le attività lavorative per le quale gli aspiranti “tirocinanti” abbiano evidenziato attitudini o abbiano espresso preferenza, saranno successivamente contattate al fine della sottoscrizione del “Patto Sociale Individuale” e l‟invio del tirocinante. I soggetti ospitanti ammessi alla progettazione saranno inseriti in un elenco di aziende di fiducia. L‟inserimento nell‟elenco non dà diritto all‟assegnazione di tirocinanti, atteso che questi saranno assegnati previa valutazione della compatibilità dell‟attività esercitata dalla ditta con le attitudini e/o preferenze del tirocinante. Per ulteriori informazioni e chiarimenti gli interessati possono rivolgersi all‟Ufficio di Piano – (tel. 0823/875969) nei giorni di apertura al pubblico, Coordinatore dell'Ufficio Dr. Carlo D'Angelo.

[download id="2384"] [download id="2387"]

     

REddito di Inclusione: si allarga la platea dell'assegno sociale more_vert
REddito di Inclusione: si allarga la platea dell'assegno sociale close

Reddito di Inclusione: importi e istruzioni

Con la circolare n. 57/2018 l’INPS illustra le modifiche apportate dalla legge n. 205/2017 (Legge di Stabilità 2018) al Decreto legislativo n. 147/2017 recante “disposizioni per l’introduzione di una misura nazionale di contrasto alla povertà”, con particolare riferimento a requisiti di accesso, decorrenza, durata, finanziamento e importo della nuova misura di contrasto alla povertà denominata ReI o Reddito di Inclusione. Download:[download id="2309"]

ReI: requisiti 2018

La Legge di Stabilità 2018 ha modificato, a decorrere dal 1° gennaio 2018, i requisiti di accesso al ReI, abrogando il riferimento agli specifici eventi di disoccupazione, quali:
"Licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale intervenuta nell’ambito della procedura di cui all’articolo 7 della legge 15 luglio 1966, n. 604, ed abbia cessato, da almeno tre mesi, di beneficiare dell’intera prestazione per la disoccupazione, ovvero, nel caso in cui non abbia diritto di conseguire alcuna prestazione di disoccupazione per mancanza dei necessari requisiti, si trovi in stato di disoccupazione da almeno tre mesi."
Dunque, per rientrare tra coloro che possono beneficiare del ReI, è sufficiente che nel nucleo, vi sia la mera “presenza di almeno un lavoratore di età pari o superiore a 55 anni, che si trovi in stato di disoccupazione”. I rimanenti requisiti familiari restano invariati fino al 1° luglio 2018 quando avrà effetto l’abrogazione di tutti i requisiti  familiari di cui all’articolo 3, comma 2, del decreto legislativo n. 147 del 2017. Per cui, per accedere al ReI, le domande presentate dal 1° luglio 2018 non dovranno soddisfare requisiti sul nucleo familiare.

Durata e decorrenza ReI

Viene inoltre introdotta la previsione, nel caso in cui all’atto del riconoscimento del ReI il beneficio economico risulti di ammontare inferiore o pari a 20 euro su base mensile, che lo stesso sia erogato in un’unica soluzione annuale (l’importo viene calcolato moltiplicando il ReI mensile per la durata del beneficio). Nel caso in cui dai controlli successivi venga determinato un importo superiore, si provvederà all’erogazione della differenza rispetto all’importo mensile determinato in sede di accoglimento della domanda. Nel caso in cui all’atto dell’istruttoria, pur essendo soddisfatti i requisiti per il diritto al ReI, risulti un importo del beneficio economico connesso al ReI pari a zero, non potendosi dar seguito ad alcun pagamento, la domanda verrà respinta. In caso di variazione dei requisiti economici il richiedente però potrà inoltrare una nuova domanda senza attendere il decorso di alcun termine.

Incremento beneficio

L’importo del ReI è soggetto ad un tetto massimo di erogazione pari all’ammontare annuo dell’ assegno sociale. L’articolo 1, comma 193, della legge n. 205/2017 ha previsto che tale importo sia incrementato del 10%. Gli importi annuali e mensili, previsti per il 2018 diventano pertanto i seguenti:
Componenti Soglia di riferimento prima applicazione Beneficio massimo mensile
1 2.250,00 € 187,50 €
2 3.532,50 € 294,38 €
3 4.590,00 € 382,50 €
4 5.535,00 € 461,25 €
5 6.412,50 € 534,37 €
6 o più 6.477,90 € 539,82 €

A chi spetta la Carta REI?

Ecco quali sono i requisiti carta REI, Reddito di Inclusione:
  • Carta REI 2018 requisiti: Isee ISRE: la famiglia per avere diritto alla carta Rei, deve essere in possesso di almeno 1 dei due seguenti requisiti:
    • soglia Isee fino a 6.000 euro: se poi nell'arco dell'anno, dovesse cambiare la situazione lavorativa o reddituale della famiglia, si dovrà presentare un Isee corrente e un Isr più semplice. Al fine poi di evitare che la carta REI reddito di inclusione, si trasformi che in un disincentivo alla ricerca del lavoro, la legge ha previsto la possibilità che il beneficio possa continuare ad essere erogato, almeno in parte e solo per alcuni altri mesi, anche in caso di nuovo lavoro o di un aumento di reddito.
    • soglia ISRE fino a 3.000 euro, per la parte patrimoniale. L'ISRE, è l'indicatore della Situazione Reddituale calcolato sulla base della somma dei tutti i redditi meno le detrazioni, le franchigie e i redditi esenti. L'ISRE, in pratica calcola l'effettiva disponibilità economica delle famiglie, sottraendo eventuali affitti pagati.
  • Patrimonio immobiliare: la soglia è sotto 20mila euro al netto dell'abitazione principale, ciò significa che possono accedere al beneficio anche i proprietari di prima casa che vivono in condizioni di povertà.
  • Patrimonio mobiliare: come conti correnti, depositi ecc se superiori a 10 mila euro. Tale soglia scende a 8.000 euro nel caos in cui il nucleo familiare sia costituito da 2 componente e a 6 mila per chi è da solo.

Compilazione nuovo Modello

Il [download id="2309"] si compone nel seguente modo:
  • quadro A: dati anagrafici;
  • quadro B: residenza e cittadinanza;
  • quadro C: nucleo familiare. E’ un quadro molto semplificato, prevede solo l’indicazione di eventuali variazioni del nucleo familiare rispetto alla dichiarazione Isee; quadro D: requisiti economici;
  • quadro E: informazione aggiuntive nuclei in cui sono presenti almeno tre figli minorenni;
  • quadro F: condizioni necessarie per il beneficio (sostanzialmente, bisogna segnalare la presa d’atto);
  • quadro G: anche questa è una presa d’atto, sulla diminuzione dell’importo in relazione ad altri trattamenti assistenziali; quadro H: sottoscrizione della dichiarazione.
La domanda si trasmette tutte sui nuovi modelli, che sono stati resi coerenti con la normativa. L’INPS conferma che le domande presentate a partire da primo giugno saranno automaticamente lavorate in base ai nuovi requisiti (senza più verifica sul nucleo familiare). Restano comunque disponibili le interfacce precedenti per le domande presentate fino al primo giugno, gestite con le regole precedenti. Attenzione: tutte le domande rifiutate nel 2018 per mancanza del requisito familiare saranno riesaminate (dopo l’operatività definitiva delle novità legislativa).